REGISTRARE UN CONCIME IN ITALIA DLGS. 217/2006

By | 4 gennaio 2015

DECRETO LEGISLATIVO 29 APRILE 2010, FERTILIZZANTI,ITALIA,N. 75, REAL DECRETO 824/2005

REGISTRARE UN CONCIME IN ITALIA DLGS. 217/2006

Fertilizzanti

Nella categoria dei fertilizzanti rientrano: concimi CE, concimi nazionali, ammendanti, correttivi , prodotti ad azione specifica.

DEFINIZIONI

  • Concime: sostanza la cui funzione principale è fornire elementi nutritivi alle piante;
  • concime semplice : un concime azotato, fosfatico o potassico per il quale sia dichiarabile unicamente il titolo di uno degli elementi nutritivi principali;
  • concime composto: un concime per il quale sia dichiarabile il titolo di almeno due elementi nutritivi principali, ottenuto per via chimica o per miscelazione;
  • concime fluido: concime in sospensione o in soluzione;
  • concime in sospensione: un concime bifase nel quale le particelle solide sono mantenute in sospensione nella fase liquida;
  • ammendanti: sono quelle sostanze o miscugli da aggiungere al suolo in situ, principalmente per conservare o migliorarne le caratteristiche fisiche e/o chimiche e/o l’attività biologica;
  • correttivi: sono quei materiali da aggiungere al suolo in situ principalmente per modificare o migliorare le proprietà chimiche anomale del suolo dipendenti da reazione, salinità, tenore di sodio;
  • prodotti ad azione specifica: sono quei prodotti che apportano ad un altro fertilizzante e/o al suolo e/o alla pianta, sostanze che favoriscono o regolano l’assorbimento degli elementi nutritivi o correggono determinate anomalie di tipo fisiologico;

I concimi si dividono in:

  • Concimi CE
  • Concimi nazionali

Un concime CE è un concime che appartiene ad un tipo di concime elencato nell’allegato I del Reg. 2003/2003 e che soddisfa le prescrizioni stabilite nel presente regolamento.

Un concime nazionale è riportato nell’allegato 1 del Dlgs. 217/2006

Nel settore dei concimi (minerali ed organo-minerali) le norme Reach (1907/2006), CLP (1272/2008) così come il DLgs 81/2008 riguardante le disposizioni per la sicurezza nei luoghi di lavoro modificheranno classificazione ed etichettatura.

Attualmente ogni Paese segue un percorso differente per i fertilizzanti nazionali e si distinguono pertanto approcci diversi.

Ad esempio:

In Grecia e Ungheria ogni fertilizzante CE va registrato al Ministero dell’agricoltura, mentre la legge non impone nessun parametro particolare alle caratteristiche del contenuto in metalli pesanti.

In Italia , Francia e Belgio viene usato per i fertilizzanti nazionali lo stesso approccio utilizzato per i concimi CE: numerosi fertilizzanti organici sono regolamentati con tutta una serie di prescrizioni e i fertilizzanti organici non inclusi nella lista non possono essere commercializzati.

Novità:

A partire dall’anno 2009 , entro il 31 luglio di ogni anno, ciascun fabbricante presente sul “registro dei fabbricanti “ dovrà comunicare l’intenzione di proseguire la propria attività e inoltrare l’elenco dei fertilizzanti di cui intende confermare la presenza sul “Registro dei fertilizzanti” nel corso dei 12 mesi successivi. La mancata comunicazione comporterà la cancellazione dei fabbricanti e/o dei fertilizzanti dai Registri.

 

DEDO Risorse offre il suo intervento per i seguenti servizi:

  • Preparazione di Schede di sicurezza e schede tecniche di prodotto
  • Classificazione ed etichettatura
  • Assistenza e consulenza relative alle norme di: trasporto, magazzinaggio, etichettatura
  • Iscrizione al registro dei fabbricanti e del fertilizzanti
  • Preparazione dossier per l’introduzione di nuovi fertilizzanti negli allegati di legge (Comunitario e/o nazionale)
  • Gestione della Registrazione delle sostanze in ambito REACH
  • Valutazione Dossier di Registrazione
  • Analisi qualitativa e quantitativa dei partecipanti al Forum di Scambio delle Informazioni (SIEF)
  • Valore economico di un dossier, modalità d’accesso ai dati e di partecipazione al SIEF

Documentazione accessoria ai fini della registrazione: Valutazione del Rischio Chimico, Scenari di Esposizione, Misure di gestione del Rischio, ecc.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *